«Trasformati in arena per regolare conti. L’Iraq sotto shock chiede pace». L’appello del patriarca caldeo Louis Raphael Sako da Baghdad dopo l’uccisione del generale Soleimani: «Non siamo più una patria sovrana. Le parti interessate si siedano a un tavolo e risparmino a questo Paese conseguenze inimmaginabili»

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 05 /01 /2020 - 15:27 pm | Permalink
- Tag usati: ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito un appello del patriarca caldeo di Baghdad cardinale Louis Raphael Sako tradotto in italiano dal sito Mondo e missione. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. le sezioni Arte e fede e Arte moderna e contemporanea.

Il Centro culturale Gli scritti (5/1/2020)

Di fronte alla situazione drammatica di queste ore il patriarca caldeo, il cardinale Louis Raphael Sako, ha diffuso questo pomeriggio da Baghdad questo appello che è l’ennesimo grido di dolore di un popolo da troppi anni terreno di guerre tra potenze globali e locali.

«Il popolo iracheno è in uno stato di shock davanti a quanto è avvenuto nell’ultima settimana. È deplorevole che il nostro Paese sia stato trasformato in un’arena dove regolare conti, piuttosto che essere una patria sovrana, in grado di proteggere la propria terra, le proprie ricchezze e i propri cittadini.

Di fronte a questa situazione delicata e pericolosa, facciamo appello a tutte le parti interessate affinché esercitino moderazione, dimostrino saggezza, agiscano in maniera ragionevole e si siedano a un tavolo di dialogo e comprensione perché a questo Paese siano risparmiate conseguenze inimmaginabili.

Eleviamo le nostre preghiere a Dio Onnipotente affinché doni all’Iraq e alla regione quella pacifica, stabile, sicura “vita normale” che desideriamo».

cardinale Louis Raphael Sako
patriarca caldeo di Baghdad