La retorica della modernità delle democrazia del nord Europa e le sue monarchie. Breve nota di Giovanni Amico

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 12 /01 /2020 - 14:19 pm | Permalink
- Tag usati: , , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito una nota di Giovanni Amico. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. la sezione Europa.

Il Centro culturale Gli scritti (5/1/2020)

I reali di Svezia

In Italia chi si definisce monarchico è giustamente sbeffeggiato e ritenuto un relitto del passato a motivo del tristissimo abbandono della monarchia Savoja che lasciò l’Italia allo sbando per rifugiarsi a Brindisi per salvare la pelle. Il referendum Monarchia o Repubblica è uno dei caposaldi della storia del Paese.

Ebbene in Europa - a parte il caso della monarchia spagnola al sud – hanno ancora la monarchia al nord la Svezia, la Norvegia, la Danimarca, la Gran Bretagna, i Paesi Bassi, il Belgio, e, più al centro, conservano regimi basati sui casati nobili anche il Liechtenstein, il Lussemburgo e il principato di Monaco.

Particolare è il caso dell’Andorra dove si danno due co-principi, uno dei quali è l’arcivescovo della città spagnola di La Seu d'Urgell, l’altro è il presidente della Repubblica francese (per cui attualmente Macron, oltre ad essere presidente in Francia, è co-titolare del principato insieme ad un vescovo!)

Nell’elenco delle “monarchie” d’Europa figura talvolta anche la Città del Vaticano, anche se in realtà lì il sovrano non è designato a partire da titoli nobiliari, bensì previa elezione democratica (sebbene i cardinali elettori siano scelti dai papi precedenti).

Insomma gran parte del nord d’Europa, pur non conoscendo monarchie assolute, ma solo costituzionali o parlamentari, tuttavia riconosce un valore alle dinastie delle antiche nobiltà che si tramandano nei secoli, proprio in quei paesi in cui meno te lo aspetteresti come la Svezia e la Norvegia, la Danimarca o i Paesi Bassi, nazioni tutte monarchiche.