1/ “Il mio record frutto di un crimine di Stato”. Ines Geipel, vittima del doping nella Germania Est, di Gloria Remenyi 2/ Quando c'era il muro. Ddr, 100 ex atleti ancora in cura psichiatrica, di Massimiliano Castellani 3/ Ewald, dal '61 all'88 ai vertici dell'organizzazione sportiva, se la cava: 22 mesi con la condizionale. Diciotto mesi a Hoeppner, medico sportivo. Costringevano le atlete ad assumere anabolizzanti, di Marco Degl'Innocenti 4/ Doping: ex atleta DDR, transessuale per colpa delle medicine

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 22 /12 /2019 - 23:57 pm | Permalink
- Tag usati: , , , , , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

1/ “Il mio record frutto di un crimine di Stato”. Ines Geipel, vittima del doping nella Germania Est, di Gloria Remenyi

Riprendiamo da Il Sole 24 Ore del 23/3/2018 un articolo di Gloria Remenyi. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. le sezioni Comunismo e Sport.

Il Centro culturale Gli scritti (22/12/2019)

Consultando i record sportivi della ex Germania Est, il nome di Ines Geipel (allora Ines Schmidt) non compare da nessuna parte. Eppure nel 1984 fu lei, insieme alle altre staffettiste della SC Motor Jena, a fermare il cronometro a 42,20 secondi sulla 4×100, stabilendo un incredibile record del mondo di società. Oggi accanto a quel risultato si leggono soltanto tre nomi (Bärbel Wöckel, Ingrid Auerswald e Marlies Göhr) e un asterisco. Quell’asterisco è Ines Geipel.

Oggi affermata scrittrice, nonché docente presso la Scuola di Arte Drammatica Ernst Busch di Berlino, Geipel è stata un’atleta di punta della DDR: «Ho iniziato a correre per sopravvivere, per dimenticare e per scappare dal dolore» racconta. Nel 1977 la giovane Ines trovò nello sport una via d’uscita dalla famiglia opprimente in cui era cresciuta, con un padre che lavorava come agente della Stasi, la polizia segreta della Germania Est. Ma la fuga fu soltanto illusoria. Già nel 1974 il regime aveva approvato il Piano di Stato 14.25, che prevedeva la somministrazione forzata di steroidi anabolizzanti, ormoni e anfetamine agli atleti al fine di gonfiarne le prestazioni, incurante dei disastrosi effetti di queste sostanze, eufemisticamente definite “mezzi di supporto”.

L’obiettivo ultimo era dimostrare la superiorità del socialismo e per conseguirlo ogni mezzo era considerato lecito. Così iniziò la parabola di una piccola nazione che diventò quasi invincibile in tutte le discipline sportive. Si diceva che gli atleti della DDR fossero «diplomatici in tuta», anche se Geipel preferisce definirli «un esercito di soldati civili». Secondo le stime più recenti le vittime del doping di Stato della DDR furono 15.000, di cui circa 10.000 donne. Tra di loro anche Ines Geipel. Per questo nel 2005, dopo il processo di Berlino e il riconoscimento formale come “vittima del doping di Stato”, la ex velocista pretese che il suo nome accanto al record venisse rimpiazzato da un asterisco.

«Si preferiva dopare le donne perché su di loro l’effetto virilizzante degli ormoni maschili è nettamente più forte» racconta Geipel, che oggi a Berlino dirige l’Associazione per le vittime del doping da lei stessa fondata nel 2013. Ci parla di migliaia di atlete, in gran parte minorenni, che nella DDR vennero virilizzate chimicamente e sacrificate alla nazione a loro insaputa, rese invincibili sul campo e annientate nella vita. Le atlete della DDR conquistarono circa il 40% di tutti i titoli europei e mondiali vinti dal piccolo Stato e stabilirono record destinati a durare, di cui alcuni risultano ancora oggi imbattuti, per esempio quello di Marita Koch sui 400 metri piani (47,60 secondi; 1985) e quello di Gabriele Reinsch nel lancio del disco (76,80 metri; 1988). I loro strabilianti risultati non significavano soltanto prestigio politico per il Paese, ma valevano anche come prova lampante dell’emancipazione della donna nella Germania Est. Per tutto questo le atlete hanno pagato un prezzo altissimo. Una su tutte la pesista Heidi Krieger che a fine carriera, dopo anni di depressione e crisi, fu costretta a cambiare sesso per aver assunto lo steroide anabolizzante Oral Turinabol in quantità doppie rispetto a quelle di Ben Johnson a Seul 1988. Oggi si chiama Andreas Krieger. Sebbene la DDR sia oggi storia, non lo sono le esistenze devastate di queste atlete, le #donnedisport che raccontiamo in questo post.

Ines Schmidt (DDR) 1982,
ASV-Sportfest Köln

Nel 2000 Geipel si costituì parte civile contro i responsabili del doping di Stato della DDR al processo di Berlino, a seguito del quale il medico Manfred Höppner e il ministro dello sport Manfred Ewald furono condannati in quanto ideatori del sistema. Per Geipel e altre venti donne quello fu l’inizio dello svelamento: «Solo allora iniziammo a comprendere quello che ci avevano fatto e fu uno shock. Gli anni ’80 furono il periodo più spietato per lo sport e la violenza andava ben oltre il doping» così Geipel. Lei stessa fu “eliminata strategicamente” quando il regime ritenne che costituisse un pericolo per lo Stato, ovvero quando si innamorò di un atleta messicano e tentò senza successo di fuggire a Ovest. La Stasi intervenne, Geipel fu sottoposta a una presunta appendicectomia con cui le vennero inferte gravi lesioni all’addome; sopravvisse per miracolo, dovette lasciare lo sport e rassegnarsi all’idea di non avere figli. Solo tempo dopo seppe cosa le era accaduto. Nel 1989 riuscì a fuggire dalla Germania orientale attraverso il confine tra Ungheria e Austria.

Con il team dell’Associazione, Geipel fornisce oggi assistenza a circa 2.000 ex atleti colpiti: «A distanza di 40 anni le vittime escono ancora allo scoperto. Spesso i corpi dopati necessitano di molto tempo per crollare, abituati come sono alla logica della prestazione. In più il timore e la vergogna scoraggiano molte vittime dal ricercare aiuto, specialmente quando si tratta di atleti che non si sono emancipati dal contesto in cui vivevano allora, caratterizzato ancora oggi da un’omertà diffusa che riguarda la stampa locale, i medici e i cittadini stessi» spiega la direttrice. Su 2.000 ex atleti assistiti, ben 1.500 sono donne. Dalle loro testimonianze emerge un complesso quadro di violenza strutturale: «Era un sistema patriarcale: in politica dominavano gli uomini, in ambito sportivo le allenatrici erano rare e molte donne medico si ritirarono strada facendo per ragioni etiche. L’ambiente divenne sempre più maschile e quello delle atlete invincibili si consolidò come un mito perverso. Lo sport era retto da dinamiche di pressione, sadismo e abuso. Migliaia di ragazze, in molti casi bambine sotto i 10 anni, vennero ingannate e depredate del loro sesso. Le atlete si fidavano di allenatori e medici che spacciavano pillole variopinte per vitamine e integratori. Oggi vengono al consultorio e scoppiano in lacrime. Soffrono di problemi psichici come depressione, psicosi e bulimia. La loro ossatura è distrutta per il sovraccarico degli allenamenti. In molti casi hanno subito un’interruzione dello sviluppo, il che significa ovaie atrofizzate e sterilità. Se rimangono incinte, sono soggette ad aborti spontanei. Quando partoriscono c’è la possibilità che i figli siano disabili. Per via degli ormoni alcune presentano irsutismo, altre invece perdono completamente peli e capelli. C’è chi non ha sviluppato il seno. In queste condizioni la vita diventa per le vittime un inverosimile atto di forza».

Finora l’Associazione diretta da Geipel è riuscita a ottenere due leggi che riconoscono un’indennità alle vittime del doping di Stato della DDR. La prima legge riguardava 200 atleti, la seconda 1.000. Il prossimo obiettivo è ottenere una pensione politica anche per i bambini colpiti nella seconda generazione, ad oggi già 300: «L’indennità significa molto perché è una forma di riconoscimento di cui le vittime hanno estremamente bisogno» commenta Geipel. All’Associazione gli ex atleti ricevono molteplice assistenza (psichiatrica, giuridica, burocratica ecc.). Presto verranno attivati dei gruppi di autoaiuto e si potrà contare su una rete di medici specializzati. Geipel è inoltre impegnata nella ricerca di un finanziamento stabile: «La politica fa soltanto lo stretto necessario. Lo sport non ne vuole sapere: molti dei tecnici attivi durante la DDR sono stati integrati nel nuovo sistema. Negli uffici pubblici c’è chi ancora disconosce il doping di Stato».

Oggi Ines Geipel va a correre ogni volta che può: «Questa passione non se n’è mai andata» dice sorridendo, «ma non provo più gioia né entusiasmo per le manifestazioni sportive internazionali. Nei corpi degli atleti e nelle loro prestazioni intravedo la lunga catena di interessi che regola la chimicizzazione dello sport. Tutti ne sono responsabili, dal medico all’allenatore passando per la politica e i fan, invece è quasi sempre l’atleta il capro espiatorio, anche quando il doping è il risultato di una cospirazione. Temo che oggi in Russia molti atleti ignorino di cosa sono vittime. Per una medaglia d’oro della DDR sono stati “bruciati” 80 bambini. La lista dei morti conta circa 500 persone, più di quanti ne abbia causati il Muro di Berlino. Lo sport esisterà sempre, ma dobbiamo porre fine a questo massacro».

2/ Quando c'era il muro. Ddr, 100 ex atleti ancora in cura psichiatrica, di Massimiliano Castellani 

Riprendiamo da Avvenire del 21/1/2014 un articolo di Massimiliano Castellani. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. le sezioni Comunismo e Sport.

Il Centro culturale Gli scritti (22/12/2019)

Sapevamo che il doping nell’ex Ddr (Repubblica democratica tedesca) aveva creato dei “mostri”. Donne che avevano improvvisamente “cambiato sesso”, atleti-uomini che sottoponendosi come “cavie” ai test farmaceutici del laboratorio di Lipsia e dintorni, avevano contratto tutti i tipi di patologie a cominciare dai tumori al pancreas, al fegato e le leucemie. 

Molti di loro hanno avuto momenti di gloria e medaglie, grazie a quegli “aiutini scientifici”, ma una volta usciti di scena, sono andati incontro a delle morti precoci. Sono le vittime del doping, le “morti bianche dello sport”. Questo è toccato in sorte ai più sfortunati dei quali solo ora la stampa tedesca comincia a parlare.

Così, 25 anni dopo la caduta del Muro di Berlino, ecco riemergere anche il drammatico dato di 100 ex atleti della ex Ddr che vengono ancora sottoposti a cure psichiatriche temporanee o permanenti. A rivelare questa ecatombe di “malati psichici dello sport” è stata Ines Geipel, presidente dell’associazione che fornisce assistenza alle vittime del doping di Stato nell’ex Germania Est.

«Stiamo per lanciare una nuova iniziativa per sostenere le vittime del programma di doping sistematico», annuncia battagliera la Geipel che vuole che il mondo sappia.

È giunto il tempo di alzare anche la cortina di ferro sul doping di stato. Nel 2000, durante il processo a Manfred Ewald, ex ministro dello sport e presidente del Comitato olimpico della Ddr, il giudice ha riconosciuto un indennizzo di circa 10mila euro a ciascun ex atleta della Germania Est che ha subito danni derivanti dall’uso (meglio sarebbe parlare di “abuso”) di sostanze dopanti che gli sono state somministrate durante la carriera.

Sono tanti quegli atleti che hanno subito dei danni permanenti per colpa di una medicalizzazione scellerata, il cui unico obiettivo era quello di conquistare più medaglie e record mondiali e olimpici possibili, in modo da far attestare la Germania dell’Est tra i paesi leader, anche grazie allo sport. Uno sport sicuramente di altissimo livello tecnico, ma al prezzo di decine, forse centinaia di vittime, a cominciare da quegli ex atleti ora in difficoltà per i quali è stato istituito un provvidenziale Centro di Consulenza che viene finanziato (al 50%) dal Ministero degli Interni.

Un piccolo risarcimento, forse tardivo, ma comunque importante, per tentare di salvare ancora il salvabile e soprattutto per far luce in maniera definitiva sul quella pagina nera dello sport dopato della ex Germania Est.

3/ Ewald, dal '61 all'88 ai vertici dell'organizzazione sportiva, se la cava: 22 mesi con la condizionale. Diciotto mesi a Hoeppner, medico sportivo. Costringevano le atlete ad assumere anabolizzanti, di Marco Degl'Innocenti 

Riprendiamo dalla Gazzetta dello Sport del 19/7/2000 un articolo di Marco Degl'Innocenti. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. le sezioni Comunismo e Sport.

Il Centro culturale Gli scritti (22/12/2019)

Il più importante e discusso dei processi alle pratiche sistematiche del doping, con conseguenze gravissime per gli atleti, nell'ex Germania Est, si è concluso ieri a Berlino con le condanne dei due imputati. Il tribunale penale ha inflitto 22 mesi con la sospensione condizionale a Manfred Ewald, 74 anni, l'uomo che per quasi un trentennio, dal 1961 al 1988, è rimasto, potentissimo, al vertice dell'organizzazione sportiva dell'ex Germania Est: membro del comitato centrale del partito comunista e presidente del comitato olimpico nazionale.

Con lui è stato condannato a 18 mesi, sempre con la condizionale, anche Manfred Hoeppner, 66 anni, medico sportivo, a lungo direttore del famigerato «Gruppo di lavoro mezzi di sostegno» per gli atleti, elemento centrale del doping sistematico. Entrambi sono stati riconosciuti colpevoli di aver provocato, dal '74 all'89, lesioni gravi a una ventina di giovani atlete, in alcuni casi minorenni, mediante la somministrazione, a loro insaputa, di ormoni maschili.

La pubblica accusa aveva chiesto per entrambi gli imputati la condanna a 2 anni di reclusione. La pena inflitta a Ewald e Hoeppner è la più pesante tra quelle comminate nei numerosi processi per doping nello sport dell'ex Germania Est. Il processo a Ewald e Hoeppner era cominciato il 2 maggio scorso. Alla base dell'azione giudiziaria, la denuncia di 22 ex atlete, in maggioranza nuotatrici, che affermavano di aver riportato gravi e permanenti danni fisici per essere state costrette ad assumere dosi massicce di un preparato a base di steroidi anabolizzanti. Effetti riscontrabili nelle ancor giovani donne, che hanno deposto davanti al tribunale in udienze anche drammatiche: mutamenti di voce, malformazioni fisiche, malattie gravi, come forme di cancro.

4/ Doping: ex atleta DDR, transessuale per colpa delle medicine

Riprendiamo dall’Agenzia di stampa Adn Kronos una notizia pubblicata il 30/5/2000. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. le sezioni Comunismo e Sport.

Il Centro culturale Gli scritti (22/12/2019)

Un'ex lanciatrice del peso dell'ex Germania Orientale, che nel 1997 si è sottoposta ad una operazione per il cambio di sesso, ha affermato oggi davanti al tribunale di Berlino che le sua inclinazione transessuale è dovuta al trattamento massiccio con sostanze dopanti ai tempi della Repubblica democratica tedesca.

Quella che una volta era Heidi Krieger, campionessa d'Europa nel 1996, e che oggi risponde al nome di Andreas Krieger, ha spiegato di avere ingerito fin dall'adolescenza, a sua insaputa, cinque pastiglie al giorno di ormoni maschili.

Krieger, 34 anni, è stato ascoltato come testimone nel processo contro i due principali responsabili della pratica del doping di stato della Ddr, Manfred Ewald ex presidente della Federazione tedesca di ginnastica e sport e Manfred Hoeppner ex direttore del Servizio di medicina sportiva della Ddr. I due devono rispondere di oltre 140 casi di lesioni.