La poverofobia è la vera fobia, non la paura del “diverso”, di Andrea Lonardo

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 13 /10 /2019 - 23:59 pm | Permalink
- Tag usati: , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito una breve nota di Andrea Lonardo. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. la sezione Carità e giustizia.

Il Centro culturale Gli scritti (13/10/2019) 

L’ennesima persona afferma per l’ennesima volta che il problema è la paura del “diverso”, intendendo con questo termine il nero, l’omosessuale o la persona di un’altra religione.

Rispondo che non è questa la situazione odierna e che confondere tutto nella categoria del “diverso” è fuorviante.

Provo a dire che uno dei problemi che non si ponevano alle migrazioni del passato è l’odierna mancanza di lavoro in Italia: l’italiano non ha paura che un migrante gli porti via il lavoro, bensì la sua paura è e quella esattamente opposta, che il migrante non trovi lavoro.

Interviene un prete amico e fulmina tutti con la sua osservazione precisa:

“La vera fobia – esclama – è la poverofobia”.

Ha ragione. Quello che disturba tutti, bianchi e neri, cristiani e musulmani, etero e omo, è il povero.

Il povero che non ha denaro, e non ha cibo. Il povero che non ha lavoro. Il povero che a volte puzza.

Del povero, purtroppo, abbiamo tutti paura.

Chi è di destra e chi è di sinistra. E anche chi è di centro.

Il povero chiede che il governo smetta di proclamare enunciati astratti sull’accoglienza del “diverso” e inizi a generare occasioni di lavoro e di vera integrazione.

Il povero chiede anche a me e a te di poterci disturbare, per perdere tempo con lui, per essere ascoltato, per potersi spiegare, per presentare le sue istanze.

Esiste la poverofobia perché nessuno di noi desidera essere disturbato - il termine tecnico sarebbe "aporofobia".

La poverofobia è la vera fobia. La poverofobia è il vero appello ai governanti e ai singoli.

Altro che paura del “diverso”! La categoria del “diverso” serve solo per nascondere la vera paura della società e confondere così il povero, rassicurandoci dal doverci misurare con lui.