Prendersi cura della famiglia è prendersi cura dell’uomo e della società, di Pierangelo Sequeri

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 12 /05 /2019 - 20:42 pm | Permalink
- Tag usati: ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito l'Editoriale scritto da mons. Pierangelo Sequeri, Preside del Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II, per la newsletter del Family International Monitor su "Prendersi cura della famiglia è prendersi cura dell'uomo e della società" e pubblicato sulla pagina FB dell’Istituto l’11/5/2019. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. la sezione Famiglia e affettività.

Il Centro culturale Gli scritti (12/5/2019)

La famiglia, nella sua originaria costituzione di comunità affettiva, generativa e parentale dell’uomo e della donna, istituisce il grembo sociale dell’ordine degli affetti. Le dinamiche sorgive della singolarità individuale, della reciprocità sociale, della cooperazione comunitaria, vengono apprese e ulteriormente elaborate a partire dalla grammatica personale-relazionale iscritta nella costituzione famigliare. 

L’essere umano apprende, nella convivenza e nella rete dei legami famigliari, i fondamentali del legame umano, indisgiungibilmente personale e comunitario, nel quale è generato e al quale è destinato. L’immaginazione della qualità umana delle affezioni – della loro dignità e della loro verità, della loro profondità e della loro giustizia – si iscrive nell’esperienza famigliare legame tra il “far essere” e il “voler bene”.

Nell’esperienza famigliare, l’intrinseca unità della dimensione biologica del legame umano e di quella spirituale della vita personale, plasma l’edificazione del corpo insieme con l’empatia dell’interiorità altrui. La dimensione famigliare appare così il grembo originario della dimensione etico-affettiva in cui l’esistere umano si attende di sperimentare la giustificazione del proprio essere al mondo e la giustizia della propria partecipazione al suo divenire.

L’ordine famigliare instaura al proprio interno anche la giusta articolazione di eros e philia, provvedendo alla istruzione della giusta differenziazione dell’intimità sessuale e della reciprocità parentale (paterna e materna, filiale e fraterna). In tal modo, insegna la loro armonizzazione insieme con la loro diversa perfezione. Il metabolismo di questa grammatica fondamentale è alla radice delle analogie e delle trasformazioni extra-familiari dell’ordine degli affetti, nelle varie forme del legame personale e sociale.

Nello stesso modo, forte della originaria autorevolezza generativa e della competenza affettiva in cui è radicato, e alla cui responsabilità si consegna personalmente e stabilmente, il sistema famigliare introduce alle ragioni etico-affettive – non dispotiche, non arbitrarie, non opportunistiche – del rispetto della legge (nomos) e della condivisione del desiderio (koinonia)

La speciale condizione famigliare di questa iniziazione, che si avvale dell’archetipo del possente legame tra amore e generazione che istituisce la vita e il senso della vita (il credo cristiano è radicato nel riconoscimento della generazione come sorgente dell’amore, in Dio stesso) è indeducibile da ogni altro rapporto. Possiamo – e dobbiamo – compensarne le molteplici vulnerabilità e curarne le ferite, anche gravi. Non sostituirlo

Di nuovo, le nostre possibilità migliori di cura, nella congiuntura drammatica dei suoi passaggi attraverso le ombre, vengono pur sempre dalla disposizione sociale e comunitaria del sistema famigliare medesimo, quando mette a disposizione della comunità la ricchezza delle sue originali risorse etico-affettive. Questa disposizione, a ben vedere, non è altro che l’espressione – la più bella e la più emozionante, forse – dell’originale vocazione umana e comunitaria del sistema famigliare medesimo. Naturalmente, sarebbe contraddittorio – e pertanto controproducente – pensare ad una funzione di prossimità-sussidiarietà dell’ordine famigliare che venga forzato a svolgere il proprio compito umanizzante e socializzante a prezzo della giustizia degli affetti dalla quale esso trae la sua legittimazione e la sua forza. 

La vocazione “antropologica” e “politica” del sistema famigliare appartiene dunque alla sua originale costituzione storica. Una simile considerazione impone pertanto un duplice e simmetrico tema di osservazione e di riflessione.

Da un lato, si tratta di comprendere in quale modo, oggi, la consapevolezza di questa destinazione e di questo protagonismo umanistico e comunitario faccia parte della coscienza diffusa: della cultura famigliare, dei processi educativi, delle politiche istituzionali. Dall’altro, è necessario anche valutare i modi nei quali la comunità civile (e anche religiosa) offrono, a riscontro di questa vocazione umanistica e comunitaria della famiglia, cultura e risorse idonee ad esprimere il fattivo apprezzamento e lo specifico sostegno della collettività. Nell’ambito di questo processo di reciproco riconoscimento e di responsabile restituzione, a che punto sono il diritto, la politica, l’economia, la governance della cittadinanza e la cultura della sussidiarietà?