In Africa noi chiamiamo fratelli i cugini e i nipoti, come fa il Nuovo testamento con Gesù e i suoi parenti. Breve nota di Andrea Lonardo

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 03 /02 /2019 - 15:20 pm | Permalink
- Tag usati: , , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito una breve nota di Andrea Lonardo. Per approfondimenti, cfr. la sezione Sacra Scrittura.

Il Centro culturale Gli scritti (3/2/2019)

Un prete kenyota che vive nella mia stessa parrocchia sorride quando a pranzo un laico insinua che Gesù potrebbe aver avuto fratelli e sorelle.

Spiega: da noi non esistono le parole “cugino” e “nipote”. Il figlio di mio fratello mi chiama padre: lui è “mio figlio”, non è mio nipote, secondo il nostro modo di parlare.

Così se siamo figli di fratelli o sorelle non ci chiamiamo cugini. Da noi non esiste la parola “cugini”: noi siamo fratelli!

Per un africano è assolutamente evidente il fatto che l’affermazione neotestamentaria che Gesù abbia avuto fratelli non vuol dire assolutamente che Maria avesse altri figli: piuttosto la sua famiglia, fatta tutta di parenti che si chiamavano fratelli fra di loro, deve essere considerata con categorie non occidentali e non europee.

È assolutamente normale - aggiunge - chiamare “fratelli” i parenti stretti: solo ad una mentalità occidentale, che usa il termine “fratello” in senso troppo ristretto, questo fa problema.