«Stasera ci incrociamo in un punto e ogni giorno molte linee si incrociano in un punto, nel punto dove accadono le cose. Tre lettere… ORA!!!». Jovanotti parla dell’importanza del presente nel Tour 2011 Ora

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 01 /10 /2014 - 17:04 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito alcune parole di Jovanotti nei concerti del Tour 2011 Ora. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line.

Il Centro culturale Gli scritti (5/10/2014)

Dal minuto 45.50 al minuto 47.06 del video:

Vorrei vedervi occhi negli occhi, in faccia, uno per uno, grazie di essere venuti, qua, grazie di questa accoglienza, mi sembra di essere un parente quasi!

Come state? Come ve la passate? Ci riuscite voi a bilanciare quello che vi preoccupa, con quello che vi entusiasma? A far prevalere quello che vi entusiasma? È un lavoro, no? Tutti i giorni, il lavoro di tutti i giorni, riuscire a far prevalere gli entusiasmi sulle frustrazioni. Di questi tempi che sono così, mica facili, per nessuno.

Hanno fatto tante cose in passato, chissà quante cose succederanno in futuro. Ma questi anni, questo tempo, è il nostro tempo. Di noi che siamo qua. Questo è il nostro tempo. Ed è una grande opportunità. Ognuno arriva da lontano, tutti fanno una linea che parte chissà da dove e arriva chissà dove. Ma stasera ci incrociamo in un punto e ogni giorno molte linee si incrociano in un punto, nel punto dove accadono le cose. Tre lettere… ORA!!!