Il poeta esprime il momento nel quale l’amante non pensa al paradiso, ma al parasole. Il realismo del vero amore (da G.K. Chesterton)

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 12 /12 /2016 - 09:08 am | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Da G.K. Chesterton, Robert Browning (non è stato possibile controllare la fonte della citazione)

La poesia d’amore di Browning è la più squisita poesia d’amore del mondo, perché non parla di estasi e ideali e dei cancelli del paradiso, ma di vetri di finestre e di guanti e di muri di giardino. Non si occupa granché delle astrazioni; è la più vera in tutta la poesia d’amore, perché non parla molto d’amore. Essa risveglia in ogni uomo i ricordi di quell’istante immortale in cui cose morte e ordinarie hanno avuto un significato che nessun vocabolario ha il potere di esprimere e un valore che nessun milionario ha il potere di calcolare. Egli esprime il tempo celestiale in cui un uomo non pensa al paradiso ma ad un parasole. E di conseguenza egli è innanzitutto il più grande dei poeti d’amore e, in secondo luogo, l’unico filosofo ottimista a parte Whitman.