L’umorismo di Chesterton è inseparabile dalla sostanza stessa della discussione e da questa discussione «sboccia», come direbbe Aristotele, semplicemente perché la battaglia non è finta (da C.S. Lewis)

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 07 /08 /2016 - 08:02 am | Permalink
- Tag usati: ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Da C.S. Lewis, Sorpreso dalla gioia, trad. it. Jaca Book, Milano, 1981 (non è stato possibile controllare la fonte della citazione)

Il suo umorismo è di quel tipo che prediligo sopra ogni cosa. Non «freddure», sparse sulla pagina come l’uvetta nella pasta del pane dolce, e men che meno un tono prestabilito di noncurante canzonatura, che non mi riesce in alcun modo di digerire; il suo è un umorismo inseparabile dalla sostanza stessa della discussione e da questa discussione «sboccia», come direbbe Aristotele. La lama gioca nei raggi di sole non perché lo schermitore si preoccupi di farla scintillare, ma semplicemente perché la battaglia non è finta e i movimenti sono alacri e impetuosi. Per quanto riguarda quei critici i quali reputano che Chesterton giochi coi paradossi unicamente per amore del paradosso, nel migliore dei casi li posso compiangere; ma non posso in alcun modo associarmi al loro punto di vista.