Sopprimete il soprannaturale, non resta che quello che non è naturale (da G.K. Chesterton)

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 21 /04 /2013 - 15:29 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

da G.K. Chesterton, Il soprannaturale è naturale. Scritti per l’Italia, Marietti, Genova-Milano, 2012, p. 50

Sopprimete il soprannaturale, non resta che quello che non è naturale.

da G.K. Chesterton, Il soprannaturale è naturale. Scritti per l’Italia, Marietti, Genova-Milano, 2012, p. 110

Inutile pretendere che la mia spiegazione non sia provocante, non sia polemica. Credo che questa condizione nervosa non naturale è dovuta al fatto che i nostri padri e i nostri nonni si rifiutarono di riconoscere un fatto: il fatto che il soprannaturale è naturale, nel senso di normale. Tentarono di conservare la moralità e perdere la religione, tentarono di pretendere che non faceva differenza l’abbandonare ogni idea di un fine nelle cose; e il risultato è stato che i loro discendenti vivono in un modo persino più doloroso di essi. Un uomo che ha la moralità e non ha una religione, è come un uomo che si regge su una gamba sola. Atteggiamento possibile: ma dopo un secolo, o circa, comincia a dare ai nervi. «I padri hanno mangiato acerba l’uva, e ai figli restano allegati i denti».