Il rischio delle Sardine quando non sono all’opposizione, ma al Governo. Breve nota di Giovanni Amico

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 25 /11 /2019 - 22:57 pm | Permalink
- Tag usati: , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito una nota di Giovanni Amico. Per approfondimenti. cfr. la sezione Politica ed economia.

Il Centro culturale Gli scritti (24/11/2019)

Il grosso rischio che corre il movimento delle Sardine è quello di dichiarare implicitamente già sconfitta l’esperienza del governo Conte: è ben per questo che tali manifestazioni non debbono essere sovraesaltate.

Un movimento come quello delle Sardine avrebbe pienamente senso se si fosse all’opposizione e non al Governo.

Ben più significativa sarebbe, invece, al momento attuale un’azione chiarificatrice del nuovo movimento con proposte al Governo: è il Governo che deve conquistare i cuori dell’Italia e allora non ci sarebbe alcun problema, perché l’opposizione non avrebbe speranza di vincere future elezioni regionali o nazionali.

Il movimento delle Sardine rischia di essere un autogoal, perché imposta il proprio agire come se si fosse già sconfitti e si dovesse conquistare il potere: in questa maniera, però, tutto il carico del malessere del malgoverno viene scaricato sul Governo stesso. A nostro avviso, invece, una politica che si basi sulla demonizzazione dell'avversario è sbagliata e perdente ed è questo il rischio del movimento neonato che è tutto preoccupato a condannare invece di costruire a partire dal potere che attualmente ha, gestendolo meglio

Se, invece, il Governo non conquista i "cuori" del paese con le sue proposte economiche, con la creazione di posti di lavoro, con una finanziaria saggia, con una vera politica innovativa sull’accoglienza e l’integrazione dei migranti, con una politica estera europea libera da USA, Turchia, Arabia Saudita, Cina, che sia efficace e con una politica della cultura e della scuola convincente, ecco che non resta che attaccare l’opposizione che è attualmente in minoranza, dichiarando implicitamente già sconfitta l’esperienza governativa e preparandosi ad una politica di opposizione.

Se ci si comporta come se si fosse all’opposizione, mentre si è al Governo, ecco che il messaggio che si lancia è autodistruttivo.

Se si è al Governo, l’attenzione dovrebbe essere concentrata a migliorare la sua azione, ad essere un pungolo perché i due partiti che condividono l’esecutivo brillino e conducano una politica incisiva.

Azioni contro l’opposizione, purtroppo, potrebbero, invece, rivelarsi problematiche e anzi accentuare la centralità dei leader dell'opposizone: è come se non si avesse niente da dire se non prendersela con qualcuno.

Per favore, che non si continui a farsi del male. Che si governi e bene, questo è ciò che conta.