L’illuminazione elettrica e le stelle. Breve nota di Andrea Lonardo

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 28 /07 /2019 - 16:23 pm | Permalink
- Tag usati: , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito una breve nota di Andrea Lonardo. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. la sezione Educazione e Scienza e fede.

Il Centro culturale Gli scritti (28/7/2019)

Foto Gemma Morabito

Serve un black out per accorgersi delle stelle. Oppure andarsene in luoghi dove non ci sia illuminazione elettrica di notte.

Basta una luce da nulla, per non vedere più le stelle.

Così è nella vita. Basta che qualcuno faccia delle moine, basta un programma su Netflix, basta un oggetto ben pubblicizzato, e tu ti dimentichi che esistono le stelle.

Le cose vicine – e inutili – possono farti dimenticare le stelle.

Guardi le stelle un attimo, invece, e ti accorgi che stai volando. Che la terra non è poggiata da nessuna parte. Che noi voliamo nel cosmo. E le stelle illuminano il nostro viaggio senza che noi le degniamo neanche di uno sguardo fuggevole.