Prostituzione: don Buonaiuto su proposta riapertura case chiuse, “lo Stato non si può trasformare in ‘pappone’”

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 03 /03 /2019 - 23:32 pm | Permalink
- Tag usati: , ,
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo dall’agenzia di stampa AgenSIR una nota pubblicata l’1/3/2019. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line. Per approfondimenti, cfr. la sotto-sezione Le nuove schiavitù. Cfr. in particolare, La femminista svedese Kajsa Ekis Ekman spiega il suo “no” alla legalizzazione della prostituzione ed alla maternità surrogata perché contrarie alla lotta per la dignità della donna 1/ Intervista a Kajsa Ekis Ekman, di Meghan Murphy (con traduzione e adattamento di Maria G. Di Rienzo 2/ “La prostituzione è la nemica della liberazione sessuale”. Intervista a Kajsa Ekis Ekman.

Il Centro culturale Gli scritti (3/3/2019)

“Colpisce la concezione sbagliata di coloro che pensano che il drammatico fenomeno della prostituzione schiavizzata si possa combattere riaprendo le case chiuse. Il business del mercimonio umano, così evidente a chiunque, non si può trasferire nelle casse di uno Stato che rischia di diventare il ‘pappone’ di giovani donne che, per vari motivi, sono costrette in prostitute”.

Lo scrive don Aldo Buonaiuto, della Comunità Papa Giovanni XXIII (Apg23), nell’editoriale pubblicato oggi su In Terris, commentando le dichiarazioni del vicepremier Matteo Salvini a proposito della possibilità di riaprire le case a luci rosse così da togliere il business alle mafie. “Dietro a ogni essere umano che si prostituisce c’è sempre un drammatico stato di bisogno – ricorda don Buonaiuto – e, nella maggior parte dei casi, una condizione di sfruttamento, assoggettamento, schiavitù”.

Rincordando che “in Italia non è reato prostituirsi”, il sacerdote afferma che “invece di prospettare investimenti sui più deboli, bisognerebbe innanzitutto lottare al fine di contrastare, sia i vari racket della prostituzione che i clienti”. Secondo il sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII, colpire la domanda significa “dire ai trafficanti di esseri umani che la prostituzione non potrà più essere un business, e nello stesso tempo insegnare alle nuove generazioni il sacrosanto rispetto per la dignità umana di cui il corpo è parte integrante”.