Un’intervista ad Andrej Tarkovskij: «Mi piacerebbe dire ai giovani che dovrebbero imparare a stare da soli: le persone che si annoiano in compagnia di se stesse mi sembrano in pericolo»

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 18 /01 /2015 - 21:24 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Riprendiamo sul nostro sito un breve video - con la trascrizione del testo curata da Giovanni Lonardo a partire da una traduzione inglese che non è stato possibile controllare – di un’intervista al regista russo Andrej Tarkovskij.

Il Centro culturale Gli scritti (18/1/2015)

Cosa vuoi dire ai giovani?

Non lo so... penso che mi piacerebbe dirgli soltanto che dovrebbero imparare a stare da soli e di cercare di passare quanto più tempo possibile da soli. Penso che uno dei difetti dei giovani di oggi è che cercano di stare assieme in eventi che sono rumorosi, anche aggressivi, a volte. Questo desiderio di stare insieme per non sentirsi soli, è un brutto sintomo, mi sembra. Chiunque ha bisogno di imparare fin dall'infanzia come trascorrere del tempo con se stesso. Questo non significa che bisogna essere solitari, ma che non bisogna annoiarsi con se stessi, perché le persone che si annoiano in compagnia di se stesse mi sembrano in pericolo, dal punto di vista dell'autostima.