La vita umana senza la possibilità del lavoro è vita morta, vita che perde ogni dignità (da Massimo Recalcati)

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 06 /12 /2017 - 22:35 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Da Massimo Recalcati, I tabù del mondo, Einaudi, Torino, 2017, pp. 161-162

La vita umana senza la possibilità del lavoro è vita morta, vita che perde ogni dignità. I suicidi che nel tempo più acuto della recente crisi hanno colpito imprenditori e lavoratori segnalano spietatamente - come il giovane Marx aveva lucidamente affermato - che senza l'occasione del lavoro, senza impresa, senza possibilità di occupazione, la vita non accede ad alcuna libertà, ma tende a disumanizzarsi e a percepirsi come superflua e insignificante [...] Perdere o non trovare lavoro significa essere tagliati fuori da qualunque esperienza fondamentale di riconoscimento. Il vero problema oggi non è la critica alla natura alienata del lavoro, ma l'esistenza di un'economia sempre più afflitta dal primato della finanza che ha fatto evaporare la centralità umana del lavoro.