Che l’umanità in genere non sarà mai in grado di fare a meno dei Paradisi Artificiali (da Aldous Huxley)

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 14 /10 /2017 - 22:58 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Da Aldous Huxley, Le porte della percezione, Milano, Mondadori, pp. 49-51

Che l’umanità in genere sarà mai in grado di fare a meno dei Paradisi Artificiali, sembra molto improbabile. La maggior parte degli uomini e delle donne conduce una vita, nella peggiore delle ipotesi così penosa, nella migliore così monotona, povera e limitata, che il desiderio di evadere, la smania di trascendere se stessi, sia pure per qualche momento, è, ed è stato sempre, uno dei principali bisogni dell’anima. L’Arte e la Religione, i carnevali e i saturnali, la danza e l’oratoria, sono serviti tutti, come disse H.G. Wells, da Brecce nel Muro.