Ai Mori conviene sottoporre esempi di fatto; facili, intelligibili, dimostrativi, indubitabili con quasi matematiche dimostrazioni che non si possono negare (da Miguel de Cervantes Saavedra)

- Scritto da Redazione de Gliscritti: 05 /05 /2015 - 23:25 pm | Permalink
- Tag usati:
- Segnala questo articolo:
These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages.
  • email
  • Facebook
  • Google
  • Twitter

Da Miguel de Cervantes Saavedra, Don Chisciotte della Mancia, Cap. XXXIII

Mi sembra, Anselmo, che tu la pensi alla maniera dei Mori [musulmani], i quali non si possono convincere dell'errore della loro setta con l’autorità della Sacra Scrittura, né con ragioni dedotte dalla speculazione dell'intelletto o fondate sopra articoli di fede, ma conviene loro sottoporre esempi di fatto; facili, intelligibili, dimostrativi, indubitabili con quasi matematiche dimostrazioni che non si possono negare, come sarebbe questa: «Se da due parti eguali si levano due parti eguali, quelle che restano sono ancora eguali.» E poiché non bastano le sole parole a farli capaci nemmeno di queste verità, conviene fargliele toccar con mano, e porgliele dinanzi agli occhi; né questo pure è sufficiente a persuaderli della verità della religione nostra.